corso personal trainer Milano

Hai passione per l’attività fisica e vorresti diventare un personal trainer affermato e competente? Magari hai già una laurea in scienze motorie oppure provieni da un percorso completamente diverso.

Questo non fa differenza perché la maggior parte dei corsi di personal trainer sono aperti a chiunque voglia iniziare questa professione. Basta solo avere voglia di studiare e applicare nella pratica quanto appreso su se stessi e poi sui futuri clienti.

E una volta superato l’esame e fatta la necessaria esperienza potresti diventare un libero professionista e lavorare in una palestra, o aprire un tuo studio di personal trainer dove gestire i clienti in totale autonomia.

Da personal trainer a Milano, con più di 18 anni di esperienza ho scritto questo articolo per aiutarti a scegliere tra i numerosi corsi per personal trainer che trovi in internet o che ti propongono, attraverso il passaparola, amici e conoscenti che li hanno già frequentati.

Ti parlo infatti da futuro collega che ha fatto tanti corsi, vissuto esperienze diverse e conosciuto personal trainer con le più svariate specializzazioni.

Adesso però iniziamo a capire come scegliere la miglior scuola di personal trainer.

Corso personal trainer Milano: chi lo frequenta

Sono diverse le caratteristiche personali e gli obiettivi di chi frequenta un corso di formazione per personal trainer. Solitamente si tratta di:

  • già professionisti di qualche sport che intendono acquisire più nozioni e competenze
  • laureati in scienze motorie o ISEF con l’idea di approfondire le tematiche del fitness
  • docenti di discipline sportive con la voglia di migliorarsi
  • personal trainer provenienti da percorsi formativi di altre associazioni che vogliono integrare le proprie abilità
  • appassionati dell’attività fisica che vogliono solo rendersi più autonomi nella programmazione dell’esercizio che fanno in palestra o altrove
  • persone che vogliono iniziare la professione di personal trainer, magari cambiando totalmente lavoro

Corso personal trainer Milano: quali caratteristiche deve avere

E’ bene che la società che lo eroga:

  • abbia uno storico di almeno tre edizioni precedenti, svolte con successo
  • si affidi a docenti preparati sia in ambito fitness (personal trainer e preparatori atletici), sanitario (ortopedici, fisiatri, cardiologi, fisioterapisti-osteopati, psicologi) e organizzativo-gestionale (esperti di management e marketing). Tutti questi professionisti devono avere esperienze di lavoro consolidate e non essere solo legati all’insegnamento. Infatti il giusto bilanciamento teoria-esperienza pratica dà i risultati formativi migliori. Meglio ancora se hanno esperienza anche nel campo della ricerca scientifica con pubblicazioni su riviste accreditate
  • obblighi all’obbligo di frequenza elevato in percentuale per accedere all’esame finale
  • gestisca il sito web in modo semplice e chiaro in ogni sua parte, soprattutto in merito al programma di formazione, agli orari delle lezioni e all’eventuale riconoscimento. Considera che in alcune regioni d’Italia questo è richiesto in forme particolari per poter esercitare in certi luoghi
  • assicuri la possibilità di parlare facilmente con qualcuno della segreteria e dello staff tecnico per dipanare eventuali dubbi
  • fornisca ulteriori corsi avanzati per l’aggiornamento continuo 
  • possibilità di rivedere le lezioni registrate tramite un canale video dedicato
  • sia chiara nella definizione dei costi

E questo è solo l’inizio, come si dice nei film.

Così ti garantisci che il corso di personal trainer che stai per scegliere sia basato su un’organizzazione, efficace e pronta a rispondere a tutti i dubbi che come allievo puoi avere.

Ora passiamo agli argomenti che è bene siano trattati.

Corso personal trainer Milano: le materie da studiare

corso personal trainer milano argomenti studio

Scegli un corso per personal trainer che preveda lo studio di:

  • anatomia e fisiologia di base. Sapere come siamo fatti e come funziona il nostro corpo è la base di una professione complessa come quella dell’allenatore personale
  • biomeccanica base e avanzata, soprattutto per chi vuole poi collaborare con fisioterapisti
  • concetti di postura base e modalità di intervento (stretching, mobilizzazione e rinforzo muscolare). Il tutto senza sostituirsi ad osteopati o ortopedici. Sono nozioni importantissime perché la comprensione di come riusciamo a muoverci è fondamentale per proporre gli esercizi adatti al cliente
  • cenni di endocrinologia, orientati al processo di dimagrimento
  • valutazione della composizione corporea. Ti permette di capire come evolve l’allenamento che proponi
  • cenni di alimentazione (non devi fare né il dietologo né il nutrizionista, il rischio di abuso della professione medica è dietro l’angolo)
  • allenamento aerobico
  • allenamento con gli attrezzi e a corpo libero
  • nozioni di pronto soccorso. Mi raccomando: su questo non transigere e pretendilo
  • traumatologia e patologie più frequenti in palestra. Ti aiuteranno a capire come comportarti di fronte ad alcune problematiche aiutato dal medico
  • tipologie di clienti: bambini, donne in gravidanza, obesi, anziani,…
  • integrazione e supplementazione
  • cosa si può fare e cosa no con i clienti
  • gestione fiscale del personal trainer
  • tutela assicurativa professionale
  • tecniche di comunicazione e marketing online e offline
  • corretta valutazione iniziale e programmazione dell’allenamento 
  • tanti giorni di pratica di tutti gli argomenti sopra menzionati, sotto supervisione dei docenti e ripetibile ogni anno

Alle volte i percorsi formativi sono su più livelli ma quello che ti ho indicato deve essere presente nel livello base. Sono competenze iniziali che non puoi tralasciare.

Una volta che hai accertato questi argomenti, puoi cercare chi ha già frequentato questi corsi e chiedere loro come si sono trovati e se ritengono di aver acquisito le competenze per lavorare. Proprio questo: ciò che impari deve darti da lavorare e procurarti fatturato. Il resto conta poco.

Se sai lavorare i clienti arrivano, la loro soddisfazione aumenta e la tua pure.

A questo punto trova recensioni su Facebook e Google, leggendole tutte e cercando di capire se sono veritiere. Se lette con attenzione sono ottime per capire i punti forti e quelli carenti di una scuola per personal trainer.

Corso personal trainer Milano: quando frequentarlo online

Durante la ricerca di queste scuole potresti imbatterti in un corso di personal trainer online (detta anche formazione a distanza). 

  • A mio parere sono ottimi come percorsi di perfezionamento ma non come corsi base. Questo perché hai bisogno di fare tanta pratica dal vivo (detta modalità frontale) per apprendere al meglio tutti i segreti del mestiere. E con un corso online, magari anche ricco di webinar diversificati, questo non ti è proprio possibile
  • Una volta ottenuto il diploma di personal trainer allora sì che potrai tranquillamente dedicarti allo studio via internet, per acquisire competenze soprattutto teoriche che sarai in grado di convertire con facilità nella pratica
  • Ovviamente in questo periodo di coronavirus è importantissimo approfittare di questa possibilità. La formazione infatti si è spostata interamente sull’online e l’offerta è enorme. Sono convinto che condizionerà molto le abitudini delle scuole di personal trainer che hanno visto in tutta questa situazione un’enorme potenzialità della formazione con piattaforme video e social network. Il tutto con la riduzione dei costi e dei tempi di spostamento di docenti e corsisti

Quindi ora hai capito cosa intendo: mai fermarti dall’imparare perchè poi riparti più competente di prima. 

E non dimenticare: cerca informazioni anche su siti stranieri che offrono tanto materiale di orientamento, anche video, per capire in cosa specializzarti.                             

Un occhio di riguardo devi averlo per i libri di testo, le dispense e il materiale didattico che ti vengono forniti e su cui preparerai l’esame per il brevetto da personal trainer. Devono essere chiari, esaustivi e forniti di bibliografia che cita gli studi scientifici a cui si riferisce. 

Col tempo infatti ti creerai una biblioteca personale fatta di testi a cui ispirarti per la pratica. Sono risorse incredibili per migliorarsi e conoscere approcci di chi magari lavora in modo diverso. Tieni sempre la mente aperta a nuovi modi di pensare all’attività fisica.

La prova finale deve essere impegnativa e non poco. E’ la garanzia che sarai formato in maniera seria e produttiva. 

Crea un gruppo di studio per affrontare questa prova finale perché il confronto con altri allievi ti aiuterà a fissare al meglio i concetti che stai imparando. Inoltre ti permette di risparmiare una quantità di tempo inimmaginabile e una volta raggiunto il traguardo avrai colleghi a cui chiedere opinioni professionali molto preziose.

Individua un personal trainer stimato che ti aiuti a capire meglio gli argomenti del corso. La sua esperienza ti permetterà di bruciare molte tappe guadagnando tempo sulla concorrenza che invece segue il percorso standard. Dice il saggio: “il lavoro si ruba con gli occhi”. Non dimenticarlo mai.

Due parole sul prezzo del corso di personal trainer vanno dette. Solitamente il costo si aggira tra i €500 e i €1000. Non basarti troppo su questo per decidere se frequentare una scuola o un’altra: fai un’analisi chiara dei benefici di ogni formazione e decidi anche su quello che ho cercato di proporti in questo testo.

Puoi di volta in volta scegliere corsi di approfondimento di scuole diverse a seconda delle tue necessità, senza legarti esclusivamente ad una società di formazione. Così ti garantisci sempre la scelta migliore in funzione di quello che il mercato offre.  

Tutto si può riassumere in tre concetti fondamentali qui semplificati che posso darti un orientamento corretto per la scelta. Il corso deve trasmetterti:

  • il sapere (conoscenze teoriche)
  • il saper fare (abilità pratiche)
  • il saper essere (attitudini e consapevolezza di stati d’animo utili per il rapporto con i clienti)

Corso personal trainer Milano: si può frequentare senza avere esperienza di attività fisica?

E’ una domanda che mi viene fatta spesso e la mia risposta è sì. Per esperienza ho visto persone senza alcun titolo o precedente nello sport che hanno incominciato un percorso, portato a termine e avviato un’eccellente carriera professionale. 

Li ha mossi un grande desiderio di mettersi in gioco e la voglia di esplorare un nuovo mondo, fatto non solo di nozioni teoriche. Spesso li ha aiutati:

  • un carattere determinato
  • una grande capacità di studiare
  • competenze manageriali e organizzative apprese in altre tipologie di corsi o università
  • voglia di cambiare la propria vita frequentando ambienti diversi per rimettersi in gioco anche in età avanzate

In alcuni casi sono state proprio le persone completamente estranee al fitness a diventare grandi pt e poi imprenditori di successo.

Ora che hai più informazioni per decidere del tuo futuro professionale come personal trainer, prenditi tutto il tempo e in bocca al lupo per il tuo nuovo progetto di vita!

Photo by  Unsplash

 

Allenati con un personal trainer e cambia vita

Allenati con un personal trainer e cambia vita

Plicometro: come usarlo

Plicometro: come usarlo

Qui troverai le indicazioni su come usare il plicometro, per sapere come sta procedendo il tuo allenamento per il consumo della massa grassa e l’aumento della massa magra.

leggi tutto